Franco Loi, …’me piöv! ‘me fresca la citâ nel piöv!

FRANCO LOI (Genova, 1930)

…’me piöv! ‘me fresca la citâ nel piöv!
quèl verd del camion, l’umbrèla che camina,
la lüs sghemba di tram ch’j slisa al vent,
e mì che sogni el nient – va e vègn la mina
süj strâd chì, de Milan, tra ‘l curr di gent
e j urelogg ch’în ferma stamatina –
e la mia vûs la cerca el firmament…
‘me piöv süj mè penser, e sü quj ciar
che mett paüra dai macchin ‘me indurment…
…ah bèl guttà che stagna e desfa i sò mister,
nüm chì càntum amô sensa savèl
de quèl che al quiss del vìv slengua i penser.

…come piove! com’è fresca la città nella pioggia! / quel verde del camion, l’ombrello che cammina, / la luce sghemba dei tram che scivolano nel vento, / e io che sogno il vento – vanno e vengono le ragazze / sulle strade, queste di Milano, tra il correre della gente / e gli orologi che sono fermi questa mattina – / e la mia voce cerca il firmamento… / come piove sui miei pensieri, e sui quei chiarori / che mettono paura dalle macchine addormentate… / …ah bel gocciolare che ristagna e scioglie i suoi misteri, / noi che cantiamo ancora senza saperlo / di quello che nell’essenza del vivere disfa i pensieri.

Franco Loi, Perché scrivo poesie: http://www.youtube.com/watch?v=AkQCmhdcf24

Annunci